Mont Chaberton - KTM Freeride 350!

Su un percorso "proibito" assolato, privo di acqua, in cima alla montagna dove ci sono i resti della  batteria più disgraziata mai creata dal mondo militare. Proibito perchè tutti i sistemi possibili per non fare giungere mezzi, anche solo fino al colle, sono stati utilizzati.

Non bisogna dimenticare che anche con semplici biciclette vi sono stati incidenti mortali (chi sbaglia un tornante ha un volo di 300 metri assicurato), infatti proprio nelle discese avvengono gli incidenti peggiori. Nella val di Susa, ai confini con la Francia rappresenta c'è il percorso più impegnativo sia per le condizioni della "strada" (più volte minata e crollata) sia della neve anche in estate (siamo sopra i 3000 mt.).

Tratti messi in sicurezza con cavi come se fosse una via ferrata alpinistica, ma la sicurezza maggiore sarebbe quella di fare il tragitto parte con un mezzo motociclistico fino al colle (2700 mt.) poi proseguire a piedi fino in cima. Bisogna anche tenere conto che parte del tragitto entra in territorio francese, ed in Francia l'utilizzo dei mezzi a motore anche su certi tracciati militari è proibito, quindi l'elicottero dei forestali francesi recupera, sequestra e multa i trasgressori. Il fondo "stradale" rappresenta il pericolo maggiore, essendo fatto di scaglie di rocce minate, quindi altamente instabili, facili per le cadute in bicicletta, come per la tenuta dei tassellati dei fuoristrada.

Godiamoci dunque un fantastico KTM 350 che compie questo squarcio di paradiso sul Monte Chaberton!

Autore zavadlav
Vota questo articolo
Play
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!