Lambretta Onboard (raduno nazionale - Matera 2015)

Uno dei principali motivi che hanno portato la Lambretta al grandissimo successo commerciale sin dall'immediato dopoguerra e che ha visto un vero e proprio boom delle vendite nel corso degli anni '60 è stato il fatto che questi scooter dal costo contenuto e costruiti in serie fossero però facilmente modificabili e customizzabili, in modo che ogni proprietario potesse rendere unico il proprio mezzo, esattamente come unica è la personalità di ogni Lambrettista.

Ovviamente, però, il passo successivo alla customizzazione è quello di mostrare al pubblico quanto si è realizzato sulla propria moto, quali modifiche tecniche a motore, freni, sospensioni, carburatori sono state apportate, così come quali accorgimenti estetici sono stati installati, sia a livello di telaio che di semplici accessori, originali e non, equipaggiano e distinguono il proprio veicolo.

Allo stesso tempo anche chi segue la filosofia opposta, ovvero quella di mantenere la propria Lambretta il più possibile simile a come essa ha lasciato gli stabilimenti milanesi in cui fu prodotta fino al 1971, andando alla ricerca negli appositi mercatini dei pezzi originali per riparare la propria due ruote, ha il forte desiderio di mostrare agli altri Lambrettisti i risultati del suo duro lavoro.

E non c'è evento migliore dei raduni per esibire il proprio mezzo, per gli uni e per gli altri. Esattamente come avvenuto nel raduno nazionale di Matera del 2015, in occasione del quale è stato ripreso questo video, realizzato on board ad una splendida Lambretta e che mostra una delle più classiche uscite di gruppo che si effettuano in queste circostanze: decine e decine di Lambretta che sfrecciano (ad alta o a bassa velocità, non è questo l'importante) creando un lungo serpentone di moto che propaga il meraviglioso suono dei motori nei campi circostanti.
Autore marcolestu
Vota questo articolo
Guarda
Condividi

Lascia il tuo commento!