A spasso sulla Lambretta!

Quasi sicuramente uno dei più grandi rimpianti degli appassionati di piccoli scooter italiani è stata la chiusura della Innocenti e la seguente vendita di tutto l'impianto di produzione delle Lambretta al governo Indiano, privando così del famoso e ricercatissimo marchio "Made in Italy" una delle moto che ha contraddistinto un'intera generazione (non solo di italiani) assieme alla Vespa della Piaggio nell'epoca del boom delle due ruote.

Purtroppo però il mercato europeo a fine anni '60 era diventato terreno di conquista per le automobili, divenuto il principale mezzo di locomozione e con moltissimi veicoli a prezzi decisamente concorrenziali. Gli scooter registrarono un notevole calo delle vendite e la Innocenti, trovandosi in difficoltà economiche fu costretta a cambiare linea di produzione, svoltando verso le auto.

Purtroppo questo cambio di direzione non riuscì a risollevare le sorti dell'azienda che dovette chiudere i battenti nel 1971 ed essere letteralmente demolita, trasferita e ricostruita in India l'anno successivo.

Fortunatamente, per i tanti appassionati, esistono ancora moltissimi esemplari dei vari modelli di Lambretta che, con tanta cura e devozione, vengono restaurati per tornare agli splendori di un tempo, quando seduti sulla sella e tenendo ben salde le manopole, potevano sfrecciare (per modo di dire, visto che le velocità non erano elevatissime) lungo le strade con il vento tra i capelli e, sicuramente, un grande sorriso sul volto.

Sorriso che sicuramente ha il proprietario di questa Lambretta mentre percorre una trafficata strada Thailandese, riprendendo il proprio tragitto grazie ad una telecamera GoPro installata sul casco.

Autore marcolestu
Vota questo articolo
Condividi

Lascia il tuo commento!

Newsletter

Seguici per rimanere sempre aggiornato!